Operatore Scolastico La nuova figura ATA nel 2024

Operatore Scolastico: La nuova figura ATA nel 2024

Indice dei contenuti

Benvenuto in questo articolo dedicato alla nuova figura dell’Operatore Scolastico ATA.

In vista del prossimo aggiornamento 2024 delle graduatorie di terza fascia del Personale ATA sono state introdotte due significative novità.

La prima riguarda l’adozione della Certificazione internazionale di alfabetizzazione digitale, che coinvolgerà praticamente quasi tutti i profili ATA.

La seconda novità è l’istituzione del ruolo dell’Operatore scolastico come una nuova figura professionale.

Per comprendere meglio chi sia l‘Operatore scolastico e quali compiti svolge, nonché i requisiti di accesso, è importante essere informati, in vista dell’aggiornamento previsto per il 2024.

Vediamo adesso quali informazioni sono attualmente a disposizione riguardo a questa nuova figura professionale.

Profilo dell’Operatore Scolastico

Il ruolo dell’Operatore scolastico ATA è definito da istruzioni specifiche e comprende responsabilità legate all’efficace svolgimento delle proprie mansioni.

Questo ruolo si caratterizza per la presenza di procedure ben definite, che richiedono una preparazione di base, senza necessariamente richiedere specializzazioni.

Sebbene alcune responsabilità siano condivise con il Collaboratore scolastico, l’Operatore scolastico si distingue per alcune mansioni aggiuntive.

Vediamo subito quali sono.

Operatore scolastico: Le Mansioni

operatore scolastico

Le mansioni dell’operatore scolastico, come definite nel contesto del CCNL, comprendono l’adempimento di incarichi all’interno di un quadro di istruzioni specifiche, comportando una responsabilità diretta nell’assicurare l’efficace esecuzione delle proprie attività.

Tali compiti si distinguono per la loro natura procedurale ben definita, richiedendo una preparazione generica.

L’operatore scolastico è responsabile dei servizi generali all’interno dell’ambito scolastico, tra cui:

  • L’accoglienza e la sorveglianza degli studenti, sia prima che dopo le ore di lezione, durante le pause tra le lezioni o al termine della giornata scolastica, e durante il tempo libero.
  • La pulizia dei locali, degli spazi scolastici, dei mobili e delle pertinenze.
  • La supervisione degli studenti, compresi i compiti di sorveglianza ordinaria e l’assistenza necessaria durante i pasti nelle mense scolastiche. Nelle scuole dell’infanzia e primaria, ciò include l’accompagnamento nei servizi igienici e la promozione dell’igiene personale.
  • La custodia generica e la sorveglianza dei locali scolastici.
  • La collaborazione con il corpo docente.
  • L’offerta di assistenza non specialistica e monitoraggio delle esigenze igienico-sanitarie per gli studenti con disabilità.
  • Il supporto ai servizi amministrativi e tecnici.

Per quanto riguarda le competenze socio-assistenziali, è importante sottolineare che queste si basano su un approccio non specializzato.

Questo significa che richiedono competenze fondamentali nell’assistenza alla persona, agli studenti con disabilità o ai bambini delle scuole dell’infanzia e primaria.

Non sono necessarie competenze mediche, paramediche o infermieristiche.

Requisiti di accesso

Per accedere alla posizione di Operatore scolastico, occorrono attualmente i seguenti requisiti:

  1. Il possesso di un Attestato di qualifica professionale come Operatore dei servizi sociali.
  2. Avere ottenuto la certificazione internazionale di alfabetizzazione digitale.

In alternativa, è possibile soddisfare i requisiti di accesso attraverso una delle seguenti opzioni:

  1. Possedere un Diploma di qualifica triennale rilasciato da un istituto professionale o Aver conseguito il “Certificato di competenze” relativo al primo triennio del percorso di studi stabilito dal d.lgs. n. 61 del 2017, con promozione alla classe IV. Questo certificato deve dimostrare il raggiungimento delle abilità, conoscenze e competenze minime richieste per superare il periodo di istruzione previsto.
  2. Detenere sia una certificazione internazionale di alfabetizzazione digitale che una Certificazione di competenze socio-assistenziali (Corso OSA).

Tuttavia, è importante notare che la conferma di questi requisiti è soggetta all’approvazione finale del Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro (CCNL).

In seguito, il Ministero fornirà in via ufficiale tutti i dettagli sulle certificazioni richieste e i requisiti definitivi.

Continua a seguire il nostro blog per restare sempre aggiornato.

A presto!

Lo Staff di RF Consulting

PS. Seguici anche su Facebook.

Clicca per votare questo articolo!
[Totale: 0 Media: 0]

CONDIVIDI IL POST

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare Leggere

Iscrizione newsletter

Rimani aggiornato su tutte le novità del nostro centro di formazione Specializzata.